Ecate

Come spesso accade per molte divinità, il susseguirsi di miti sulle loro origini genera confusione e incertezze. Se prendiamo in esame la Teogonia di Esiodo, Ecate viene indicata come figlia di Asteria e Perse e, quindi, come nipote della stessa coppia titanica (Febe e Ceo) che generò anche Leto, madre di Artemide e Apollo. Secondo altri miti, invece, Ecate è una delle figlie della Notte.⁣
Quali che siano le sue vere origini, Ecate rappresenta una figura di straordinaria forza all’interno del mondo delle divinità greche. ⁣

Era una dea quasi onnipotente e il suo potere si estendeva su ognuno dei tre mondi che, in seguito, finirono sotto il controllo di Zeus, Ade e Posidone. ⁣
Neanche Zeus, ormai sul trono dell’Olimpo, poté spogliarla di quell’autorità che le era propria già sotto gli dèi più antichi, i Titani. ⁣

Quale sovrana degli Inferi, Ecate vagava di notte con le anime dei morti, accompagnata dal latrato dei cani e a lei stessa si attribuiva la figura di una cagna o di una lupa. ⁣
Ma era anche una dea molto vicina ai mortali, soprattutto alle donne. Lei che veniva rappresentata come una statua trimorfa, con i tre visi rivolti nelle tre direzioni e ognuno con le sembianze di una donna in una fase diversa dell’esistenza. Era una fanciulla, era un’adulta, era un’anziana. ⁣
Era colei che le donne pregavano durante i parti e ogni qualvolta sentivano il bisogno di un aiuto divino. E veneravano lei, che tra tutti era la più potente e amata, ammirata e temuta dallo stesso Zeus. ⁣

Come spesso è accaduto nella storia dell’umanità, anche questa figura femminile di straordinaria forza ha finito per essere spinta nel campo oscuro delle forze demoniache, lì dove le donne assumono tutti quei tratti che la società patriarcale considera negativi.⁣
Si racconta dei suoi molti amori con gli altri dèi, del suo circondarsi di demoni e fantasmi, degli incantesimi che insegnava alle donne mortali che invocavano il suo aiuto ed Ecate diventa ispirazione e protettrice di coloro che si avvicinano alla stregoneria.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: